Come facevano le nostre nonne per pulire e smacchiare giacche e cappotti a fine inverno? Il sistema è un po' laborioso (ma non lo è meno raccogliere i capi nei sacchetti, portarli e andarli a ritirare),però i risultati vi stupiranno.


Occorrono tempo caldo e asciutto, uno spazio (stanza, balcone...) incui poter appendere i capi ad asciugare, parecchia carta di giornale quotidiano, una spazzola a setole semirigide pulitissima.

Preparate una soluzione di acqua (3-4 litri)e ammoniaca (circa 1/2 bicchiere). Spazzolate con grande cura il capo, rivoltando le tasche, i colli, i risvolti se si tratta di pantaloni o polsi e sbottonate tutti i bottoni togliendo eventuali martingale. Una volta tolta tutta la polvere, bagnate la spazzola nella miscela di acqua e ammoniaca e spazzolate ben bene il capo dentro e fuori, con dolcezza ma insistendo lungo le cuciture, sotto le ascelle, sul collo; appendetelo poi ad asciugare ali'ombra in luogo aerato (attenzione! l'ombra è fondamentale).

Quando sarà bene asciutto, appendetelo nel sacco-custodia senza stirarlo ma disponendo fogli di giornale sia  sull'attaccapanni, sia sopra il capo, sia sul fondo del sacco. Quando verrà il momento di usarlo, lasciatelo all'aria per un giorno o due, quindi stiratelo: restere veramente sorprese nel vedere che la stoffa ha ripreso vigore, appare più brillante nei colori e più gonfia e tutto il capo sembra ringiovanito.
Inoltre,non rischierete di veder svolazzare tarme.

 
→ torna a Lavare i vestiti


Aggiungi il tuo commento!


Sempre con te!

Vuoi avere tutti i rimedi della nonna sempre a disposizione? Prova la nostra app gratuita:
Disponibile su Google Play


Cerca un rimedio


Speciale Macchie

Cerca tra le oltre 68 macchie del nostro archivio:




Sito realizzato da NEBIS Software